lunedì

CI AMA PIU' IL CANE O IL GATTO?





Un curioso studio è stato portato avanti presso la Claremont Graduate University di Los Angeles. Sotto la lente il comportamento di cani e gatti, o meglio un confronto a otto zampe per verificare chi ami di più il suo padrone umano. Sono stati prelevati dei campioni di sangue ai dieci cani e ai dieci gatti impegnati nell’esperimento, prima e dopo averli fatti giocare con i rispettivi padroni. La verifica si è basata sui livelli di ossitocina, il cosiddetto “ormone dell’attaccamento”, quello che il nostro organismo produce quando siamo con qualcuno a cui teniamo e che è responsabile della nascita dei legami affettivi. Il livello di tale neuro-trasmettitore raggiunge gradi diversi a seconda se abbiamo solo un contatto piacevole con qualcuno o siamo accanto a una persona amata: nel secondo caso i livelli sono maggiori, generalmente superiori al 50%. Bene, durante l’esperimento condotto i risultati dei livelli di ossitocina dei cani e dei gatti hanno segnato il responso: cani, oltre il 57% di ossitocina; gatti, il 12% soltanto e nella metà degli esemplari. Quindi, il cane non solo ama moltissimo il suo padrone ma lo ama quasi cinque volte più del gatto. E la cosa inspiegabilmente fantastica è che questo sentimento lo provi per un essere non appartenente alla sua razza. Per addolcire la scomoda posizione dei felini, il professor Zac, responsabile dello studio, ha affermato che questi potrebbero aver maggiormente risentito dell'ambiente estraneo dove si è svolto l'esperimento.
Rimanendo in tema ma capovolgendo il punto di vista, è bene sapere anche che la personalità di un uomo può essere in parte anticipata dal tipo di animale di compagnia scelto: una ricerca sempre made in USA, effettuata su seicento studenti universitari, ha rilevato che chi sceglie un cane è tendenzialmente più estroverso, attivo e assertivo nei confronti delle regole sociali; chi invece ha un gatto è l'esatto opposto, risultando introverso, anticonformista e con una sensibilità più spiccata. Dulcis in fundo, e questo va nettamente a favore dei gatti, sembrerebbe che coloro che li scelgono siano dotati di intelligenza superiore a quelli che preferiscono portarsi a casa Fido. Polemiche a parte, questa ricerca apre le porte a un interessante sviluppo nel settore della Pet Therapy, suggerendo l'animale più adatto alla personalità del paziente.
Related Posts with Thumbnails