mercoledì

Il gelato lo “famo strano”



ph wikimedia

Secondo una ricerca di mercato Eurisko, i gusti preferiti dagli italiani sono piuttosto classici: dal cioccolato, che conserva il primo posto, alla nocciola, al limone e alla fragola. A seguire, la crema, la stracciatella e il pistacchio. Le varianti più osé soddisfano in ogni caso il comune senso di buon gusto.

Ma se ci allontaniamo dall'italico territorio ci rendiamo conto di quanto possano essere stravaganti gli apprezzamenti della gente. In Giappone, per esempio, adorano i gelati alle verdure e in particolare quello al gusto di patata dolce; c'è ne è anche uno alla... lingua di mucca. In una cittadina nipponica, addirittura usano il nero di seppia per insaporire una versione salata del gelato. In America è rinomato e molto richiesto il gelato al sapore di bacon (e io che pensavo che solo Homer Simpson potesse mangiare una cosa del genere), d'altra parte negli Stati Uniti la “pancetta” pare essere uno dei cibi più amati. A Monaco di Baviera, durante l'October Fest, si può gustare una variante alla birra e si può scegliere persino l'etichetta preferita, ma quella più gettonata è la Guiness, che sembra accostarsi molto bene al cioccolato.
C'è da dire che, alle stranezze, ha contribuito anche l'Italia, sebbene non l'abbia fatto nel suolo natale ma in Inghilterra: una famosa gelateria italiana a Londra, Morelli's, ha prodotto un gelato al gusto di interiora di agnello insaccate, ispirato a un piatto tradizionale scozzese. E poi che dire dei gusti lavanda, caviale e fois-gras dei francesi?
Ciliegina sulla torta, da segnalare il gelato alla cannabis, tutto italiano, prodotto in Liguria. A idearlo, l'associazione Canapa Ligure, che promuove i benefici della canapa privati dell'effetto stupefacente. Il particolare sapore è ottenuto infatti dai semi decorticati della pianta, quindi è praticamente assente il principio attivo.
Related Posts with Thumbnails