sabato

Shopping online, le regole per fare acquisti con tranquillità





Gli italiani che acquistano online sono in crescita, nonostante una parte di utenti del web sia ancora diffidente verso la sicurezza delle modalità di pagamento online. Eppure la convenienza rispetto agli acquisti in negozio è notevole, si arriva ad uno sconto medio intorno al 15-20% del prezzo. E’ vero però che sia necessaria la pratica di un navigatore esperto ed evitare di addentrarvisi qualora si fosse sprovvisti di una certa dimestichezza in internet. Se dovessimo stilare un vademecum per acquistare online senza brutte sorprese, potremmo iniziare proprio dal sistema di pagamento: il primo passo da fare è munirsi di una carta prepagata, tipo Postepay, e associarla ad un account come Paypal. Tale abbinamento risulta essere uno dei più comodi ed efficaci dal punto di vista della sicurezza. Il secondo punto riguarda la connessione: è bene evitare di acquistare online connettendosi a wifi pubbliche o da internet cafè, essendo mezzi non protetti e a rischio di intercettazione dei dati personali. Altra questione è “dove” acquistare, cioè quali siti possano essere davvero affidabili. Qui la selezione non è difficile, esistono infatti alcuni portali di riferimento per settore, come l’abbigliamento o la tecnologia, universalmente accreditati. In linea di massima, la regola vuole che il venditore sia tanto più attendibile quante più informazioni rilascerà. Chi fosse completamente digiuno in materia, può dirigersi con tranquillità verso piattaforme di e-commerce consolidate come eBay o Amazon o le pagine ufficiali dei brand più famosi, dove saremo facilitati anche dalle numerose recensioni che vengono rilasciate dagli acquirenti.
Prima di comprare un articolo è bene non trascurare le informazioni sui costi di spedizione, che sommati potrebbero fare la differenza e vanificare il risparmio. Le grandi piattaforme spesso includono questa voce nel prezzo. Altra cosa da sapere, nella vendita a distanza è garantito il diritto di recesso come per le vendite “fisiche”, se il prodotto arrivato non corrisponde alle nostre aspettative possiamo comunicarlo entro dieci giorni tramite lettera raccomandata e restituirlo secondo le modalità generalmente riportate dal venditore stesso. Nell'arco di massimo trenta giorni ci verranno riaccreditati i soldi.
Una curiosità su cosa maggiormente comprino online gli italiani: vestiti, scarpe, elettronica/informatica, viaggi e assicurazioni. 

(COrecchini) 
Related Posts with Thumbnails